IN CHE MANI SIAMO ? – Angelo Nocent

1-In che mani siamo

Ho letto sulla rubrica “Benessere e Salute” del settimanale OGGI  che le mani dicono più di mille parole.

La spiegazione è la seguente:

“Secondo vari studiosi il LINGUAGGIO PARLATO rappresenta soltanto il 7% delle nostre comunicazioni quotidiane: oltre la metà dei messaggi che inviamo al mondo proviene dal corpo. E le mani, che del corpo sono la parte più versatile, non stanno mai zitte.

  • Le usiamo per mandare a quel paese, per richiamare l’attenzione di qualcuno, per negare o approvare un evento e le alziamo per arrenderci.
  • E poi sudano quando siamo nervosi, tremano davanti a un pericolo.
  • Le dita tamburellano quando siamo alle prese con un pensiero profondo e arrotolano i capelli se siamo preoccupati. 

I gesti dicono più di mille parole. «Uno studio recente ha dimostrato che le aree del cervello deputate a elaborare il linguaggio sono coinvolte anche nei movimenti delle mani», spiega Spencer Kelly, neuroscienziato della Colgate University, negli Usa. «È come se ci fosse un cabina di regia unica a livello della corteccia premotoria, che integra e coordina la parola e il gesto. I protagonisti di questa integrazione sono i cosiddetti neuroni specchio. È stato osservato che si attivano quando si compie un’azione con le mani, quando la si osserva compiuta da altri (rispecchiano il comportamento dell’ osservato), ma anche nell’ elaborazione del linguaggio». 

Perché gesticoliamo?

«Lo scopo è rendere la comunicazione più efficace e coerente», dice Vera Birkenbihl, psicologa e fondatrice dell’Institute for Brain Friendly Procedures di Odelzhausen, in Germania. «Non sempre, però, il sistema funziona come dovrebbe: ci sono persone che a parole dicono una cosa e con le mani l’opposto». 

Aggiunge Birkenbihl: «Le mani tradiscono le emozioni più di quanto si pensi. Spesso non ce ne accorgiamo: come quando, pur volendo mostrare indifferenza verso qualcuno, portiamo le mani involontariamente alla testa e ci accarezziamo i capelli». 

Lisciarsi la chioma è uno dei messaggi di seduzione più forte. E questo chi ci sta davanti lo percepisce al volo, anche se magari non ne è consapevole.

Dopo questa lettura, di cui non ho riprodotto i dettagli sul gesticolare, mi sono detto: può uno psicoterapeuta curare con le mani?  E m’è venuta questa risposta: sì, a patto che le tenga giunte (nel gesto del pregare) quando nessuno lo vede.

Battute a parte, per chi volesse farsi un’idea di quanto storicamente è successo in materia psichiatrica, non ha che da cliccare qui:   —- 

mancuso%2520vito%2520teologo

Oggi credo sia giunto il momento di affrontare coraggiosamente alcuni scogli del sapere con pretesti e pregiudizi. Io partirei dal problema dei problemi sollevato da VITO MANCUSO, con moglie, figli e teologo di professione.

Anima dolente

Anima dolente

Downloads10-001

Collage4-004

Collage4-003

2013-07-2123

2013-07-2124

2013-07-2125

2013-07-2126

2013-07-2127

2013-07-2128 - Copia

Collage4-002

Anima dolente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...